INVESTIMENTO DEL PEDONE: QUANDO DEVE ESCLUDERSI LA RESPONSABILITÀ DELL’AUTOMOBILISTA (Cass. 22/02/2017 n° 4551) A cura dell’ Avv. Renato Arseni

  “In materia di responsabilità civile da sinistri derivanti dalla circolazione stradale, in caso di investimento del pedone la responsabilità del conducente è esclusa quando risulti provato che non vi era, da parte di quest’ultimo, alcuna possibilità di prevenire l’evento, situazione, questa, ricorrente allorché il pedone tenga una condotta imprevedibile ed anormale sicché l’automobilista si […]

SULLE CONSEGUENZE DELLA FALSA O RETICENTE DICHIARAZIONE EX ART. 547 CPC NEL PROCEDIMENTO DI ESPROPRIAZIONE MOBILIARE PRESSO TERZI. (Cass. 28/02/2017 n° 5037) A cura dell’Avv. Antonio Arseni-Foro di Civitavecchia

L’ espropriazione presso terzi è uno dei mezzi più usati dal creditore – in quanto da quest’ultimo ritenuta spesso più idonea per veder soddisfatte le proprie ragioni – allorché il proprio debitore possa vantare la titolarità di cespiti per svolgere un rapporto di lavoro retribuito o per essere creditore a sua volta di altro soggetto […]

Sulla risoluzione del contratto di locazione in ragione della destinazione dell’immobile ad un uso diverso da quello pattuito (Cass. n. 6482/ 2017 ) A cura dell’Avv. Giuseppa Pirrone – Foro di Civitavecchia

Secondo l’art. 80 comma 1 della L.392/1978, c.d. legge equo canone , “se il conduttore adibisce l’immobile ad un uso diverso da quello pattuito, il locatore può chiedere la risoluzione del contratto entro tre mesi dal momento in cui ne ha avuto conoscenza e comunque entro un anno dal mutamento di destinazione.  Decorso tale termine […]

LA TERRAZZA FRONTE MARE CHE RIDUCE IL PANORAMA E’ ILLEGITTIMA (Cass. 03.05.2017 n. 10730) A cura dell’avv. Andrea Vecchiotti- Foro di Civitavecchia

  “Una terrazza fronte mare ancorata al suolo, chiusa con serramenti a impacchettamento laterale e realizzata con un notevole aumento della volumetria, non può che essere considerata una costruzione edilizia. Oltretutto, se non concessa dal Comune con apposito permesso ed ostruente il panorama della proprietaria dell’abitazione accanto, anche illegittima.”   È questa la decisione presa […]

SULLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE E SUL DIRITTO DEL MEDIATORE ALLA PROVVIGIONE (Tribunale di Civitavecchia 29/03/2017 n° 313). A cura dell’Avv. Antonio Arseni- Foro di Civitavecchia

Con una articolata e puntuale decisione (29/03/2017 n° 313, Giudice Dr.ssa Pegorari) il Tribunale di Civitavecchia interviene su un tema, più volte affrontato dalla giurisprudenza, quale quello relativo al compenso provvigionale che spetterebbe (o non) al mediatore immobiliare una volta favorito l’accordo tra le parti, propedeutico alla conclusione della vendita poi effettivamente rogata a seguito […]

Sul mobbing immobiliare (Cass. 28.02.2017 n. 5044) A cura dell’Avv. Angela Pieretti – Foro di Civitavecchia

La Cassazione apre al c.d. mobbing immobiliare, configurabile laddove il proprietario del bene, con plurime azioni giudiziarie, infondate e temerarie, pretenziosamente pone in essere una indebita e scorretta pressione sul conduttore, costretto per questo a subire un pesante stato di stress, con lo scopo di ottenere la risoluzione del contratto di locazione del bene, potenzialmente […]

INGIUSTIZIA DEL DANNO E RESPONSABILITÀ DELLA P. A. PER VIOLAZIONE DELLA LIBERTÀ NEGOZIALE (Cass. 28/04/2017 n° 10518). A cura dell’Avv. Antonio Arseni – Foro di Civitavecchia

  La Pubblica Amministrazione (nella specie  si trattava di un Comune Lombardo) è responsabile del danno arrecato al privato il quale, facendo affidamento su una certificazione urbanistica di edificabilità di un suolo di sua proprietà, promette in vendita il terreno con contratto preliminare poi risolto consensualmente –con riconoscimento in via transattiva al promittente acquirente di […]

SULL’ADULTERIO DI ENTRAMBI I CONIUGI AI FINI DELL’ADDEBITO RECIPROCO DELLA SEPARAZIONE (Cass. 3318/2017). A cura dell’Avv. Antonio Arseni – Foro di Civitavecchia

  Essere fedele al partner costituisce uno dei più importanti doveri scaturenti dal matrimonio, ex art 143 Cod.Civ., che si risolve non soltanto nell’impegno, ricadente su ciascuno dei coniugi, di non tradire il rapporto di dedizione fisica e spirituale tra gli stessi, ma anche come impegno a non tradire la fiducia reciproca. L’obbligo della fedeltà […]

INDIPENDENZA ECONOMICA DEL FIGLIO MAGGIORENNE IN IPOTESI DI CONTRATTO DI LAVORO A TERMINE E LICENZIAMENTO. IL DESTINO DELL’ASSEGNO DI MANTENIMENTO DA PARTE DEL CONIUGE DIVORZIATO. ATTUALI ORIENTAMENTI DELLA CASSAZIONE A cura dell’avv. Antonio Arseni- Foro di Civitavecchia

  KAPPAO’ per i figli maggiorenni economicamente non autosufficienti perché privi di una stabile occupazione i quali vedono sempre più precisarsi (ed assottigliarsi) le ipotesi in cui possono ancora contare sul mantenimento dei genitori. Due importanti decisioni della Ia Sezione della Cassazione, una pubblicata il 16/05/2017 n° 12063 (Presidente Di Palma, Estensore Lamorgese) e l’altra […]

SULL’USUCAPIONE DI BENI COMUNI. CONDIZIONI. (Tribunale di Civitavecchia 04/04/2017 n° 319) A cura dell’Avv. Antonio Arseni-Foro di Civitavecchia

  Nella ipotesi di domanda di usucapione promossa da uno dei comproprietari rispetto ad un  bene comune, l’elemento qualificante che l’attore deve precisamente allegare e provare, ex art. 2697 CC, non è tanto il possesso ( ovviamente, per il tempo necessario richiesto) quanto piuttosto la esclusività dello stesso, nel senso che esso deve atteggiarsi in […]